La dominazione romana

Lo scontro tra Cartagine e Roma, da cui quest’ultima usci’ vittoriosa, fu esiziale per la Sicilia, che cadde sotto il dominio di Roma e, considerata terra di conquista, fu spogliata di numerose opere d’arte. Essa divenne provincia romana e la sua storia fu da quel momento appendice di quella di Roma.

La lingua

La massa della popolazione continuò a parlare in greco, mentre la classe colta parlava anche in latino Statua di una lupa in bronzo evidente segno della colonizzazione romana in tutta Italia La latinizzazione delle province di lingua greca non entrò mai nei programmi...

Ordinamento fiscale

Numerose tasse gravarono sulla Sicilia: innanzitutto il decimo del raccolto di grano e orzo, che veniva pagato in natura direttamente a Roma ; in denaro veniva, invece, pagata l’imposta su vino, olive, frutta e altri prodotti agricoli e la tassa sul pascolo....

Significato delle guerre servili

Le rivolte “servili” presentano come aspetto prevalente quello sociale, che, però, non è l’unico. Scontro tra uno schiavo e un miliziano romano durante la guerra servile in Sicilia nel 139 a.c. Le rivolte "servili" presentano come aspetto...

Il periodo imperiale

Dopo la battaglia di Azio nel 31 a.C. Ottaviano rimase unico padrone dell’impero romano. Egli inaugurò una politica di pace e di riassetto economico e giuridico dell’impero, di cui beneficiò anche la Sicilia. Uno dei soldati romani impegnato nella...

La prima guerra servile

Nel II sec. a.C., quando la Grecia era già caduta sotto il dominio di Roma (146 a.C.) e in Siria, Egitto, Asia Minore le monarchie ellenistiche dei successori di Alessandro Magno andavano sgretolandosi, prosperò il commercio dei mercanti di schiavi, che si...

La seconda guerra servile

Una seconda rivolta di schiavi esplose verso il 104 e fu guidata da un certo Salvio. Il motivo occasionale fu un editto del Senato romano, che prescriveva il rilascio degli alleati ridotti in schiavitù. Gli schiavi quando fecero la rivolta per evitare l’affronto...