Varie

Le miniera Trabonella e Giumentaro

All’interno della Riserva, poco distanti dal ponte di Capodarso, erano attive un tempo la miniera Trabonella e le miniere Capodarso – Giumentaro e Giumentarello. Le miniere di maggiore dimensione, spesso parecchio distanti dai centri abitati, divenivano...

Tecniche e metodi di coltivazionee di arricchimento dello zolfo

Lo Zolfo nativo sedimentario siciliano, per sua natura, si trova sempre frammisto ad una ganga che, per quanto noto, può avere natura calcarea, gessosa, gessoso – marnosa ovvero gessoso – argillosa, marnosa, tufacea e tripolacea. Ventilato di zolfo...

Il Codex di Mario Cutelli

Il Codex legum sicularum del giurista catanese Mario Cutelli, scritto tra il 1629 ed il 1634 ed uscito a Messina nel 1636, fornisce un’attenta analisi della decadenza dell’isola attribuita, da un lato, alla degradazione delle strutture politiche, che si...

C’era una volta il bosco

Il territorio della Riserva è fortemente antropizzato e coltivato sin dai tempi più remoti. Si tratta, comunque, di una caratteristica comune a tutto il bacino del Mediterraneo. Fioriture di Timo arbustivo sul versante Sud-orientale di Monte Capodarso...

l’inchiesta parlamentare del 1867

Le relazioni dei funzionari piemontesi presenti in Sicilia subito dopo la spedizione dei Mille mettevano costantemente in luce lo stato di precarietà della sicurezza pubblica, che, a loro dire, rischiava di vanificare l’unità nazionale raggiunta e che in ogni...

La vegetazione fluviale

Il Fiume Imera meridionale, che percorre da nord a sud l’area della Riserva, è caratterizzato dalle acque salmastre (da cui il nome di Fiume Salso) per l’apporto di alcuni affluenti che attraversano terreni ricchi di salgemma. Nei mesi più...